Barzio

Altitudine 769
Abitanti 1327


POSIZIONE
Questo paese dell’altipiano valsassinese viene soprannominato “la perla della Valsassina” e può esserne considerato il principale centro turistico, grazie anche alla sua posizione ideale a quattordici chilometri da Lecco. Con i Piani di Bobbio alle spalle e al gruppo delle Grigne davanti, Barzio offre una vista unica, ideale per villeggianti e visitatori occasionali.

STORIA
Dei suoi insediamenti celtici sono state rinvenute molte testimonianze, oggi per lo più conservate nelle sale del Museo Archeologico di Lecco (si segnala, ad esempio, il corredo funebre di un guerriero del IV secolo a.C). Anticamente conosciuta come Barzo, Barso o Barsio, nel Medioevo fu possedimento prima dell’arcivescovado milanese, poi della famiglia Torriani e infine del Ducato di Milano.
Ancora nel XVI secolo contava poche centinaia di abitanti. A fine Ottocento vennero costruite le principali ville che oggi si alternano alle case ristrutturate o recenti e che determinarono lo sviluppo dell’area da un’economia di stampo agricolo a una legata al settore terziario.

PUNTI DI INTERESSE
- Piazza Garibaldi: cuore del paese, al suo centro è possibile vedere il monumento dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale, raffigurante un imponente leone. Dalla piazza si apre una bella vista sul massiccio delle Grigne;
- Palazzo Manzoni: oggi sede del Comune e della biblioteca, il palazzo tardo seicentesco fudi proprietà della famiglia Manzoni, quella di origine dello scrittore Alessandro, trasferitasi qui dalla bergamasca nel XVI secolo;
- Chiesa di sant’Alessandro: sede dell’omonima parrocchia dell’Arcidiocesi di Milano, all’interno ospita opere di Luigi Reali, del Montalto, di Mario Arbetella, oltre che una statua lignea della Madonna del Rosario del primo Settecento e l’organo Mascioni;
- Museo Medardo Rosso: Medardo Rosso fu un rinomato scultore espressionista, che amava villeggiare a Barzio. Per questo il suo museo è ospitato nell’antico oratorio di San Giovanni Battista;
- Via crucis: la cosiddetta via Lucis sale dal paese verso Concenedo;
- Concenedo: nella rurale frazione a est troviamo poi possiamo visitare anche la Chiesa di Santa Maria Assunta e il Monastero di Santa Maria del Monte Carmelo.

COSA FARE
Da ricordare ovviamente è la presenza dell'impianto sciistico dei Piani di Bobbio, raggiungibile con una funivia a cabine multiple, che nei mesi invernali offre una gamma di piste di discesa di tutte le difficoltà, mentre nella stagione calda la possibilità di numerose escursioni più o meno impegnative. In quota varie attività di servizi (bar, ristoranti, negozi di articoli sportivi…) e rifugi (rifugio Lecco, rifugio Ratti Cassin, rifugio Stella).

FESTIVITÀ
-26/08: il santo patrono di Barzio è sant’Alessandro.

CURIOSITÀ
- Barzio è stata tappa d’arrivo del Giro d’Italia nel 1979.

LINK UTILI
- Comune di Barzio

Foto Relative



La Valsassina (C) MOUNTAIN MEDIA - Partita IVA: 03560620134 REA: 320180 (LC) - info@mountainmedia.it - Powered by A. Gianola - sviluppositi@mountainmedia.it